Completiamo il corpo

Ora che abbiamo completato tutti i passaggi relativi alla meccanica e all'elettronica, possiamo dedicarci all'aspetto esteriore dell'insetto. Abbiamo scelto di utilizzare materiali semplici e di facile reperibilità per creare una sorta di esoscheletro che ricordasse l'aspetto di un coleottero.

Come pezzo base abbiamo scelto una bottiglia di plastica verde.

Utilizzeremo solo la parte affusolata della bottiglia, quindi come prima operazione tagliamo la parte inferiore della bottiglia utilizzando una taglierina o un paio di forbici.

Tagliamo anche la parte superiore del collo: essendo una parte particolarmente dura, utilizziamo il minitrapano.

Con le forbici tagliamo il collo della bottiglia dalla base all'apice. Svitiamo le zampe posteriori dell'insetto e inseriamo il corpo nella bottiglia tenendo il taglio centrato nella parte superiore. Voltiamo l'insetto e disegniamo con un pennarello l'area della bottiglia in corrispondenza del mozzo del motore posteriore.

Tagliamo i fianchi della bottiglia senza arrivare fino alla base del collo per realizzare le ali e eliminiamo anche il cerchio che abbiamo disegnato sulla pancia.

Per poter tenere chiuso l'esoscheletro, utilizziamo una striscia ritagliata dal corpo della bottiglia (la parte che non utilizziamo per il corpo dell'insetto) e pratichiamo due taglietti sulle ali, vicino alla testa dell'insetto, in modo da potervi poi inserire la striscia e trattenere le due ali in posizione raccolta sul corpo del robot. Arrotondiamo anche gli apici delle ali con le forbici.

Per evitare che i bordi delle ali siano taglienti, li passiamo sulla fiamma di un accendino in modo che la plastica fonda leggermente e la parte tagliata risulti smussata. Svitiamo anche le zampe anteriori e decoriamo le zampe e l'esoscheletro: abbiamo utilizzato una vernice spray nero metallizzato per le zampe e la pancia dell'insetto, e giallo metallizzato per le ali. Abbiamo colorato l'interno dell'esoscheletro per sfruttare il verde trasparente della plastica.

Prima di rimontare le zampe, carichiamo lo sketch per allineare i motori in modo da essere sicuri di avvitarli nella giusta posizione. Avvitiamo le zampe anteriori, sistemiamo l'insetto nell'esoscheletro e avvitiamo le zampe posteriori facendo uscire il mozzo dal foro nella pancia. Inseriamo la fascetta in posizione per trattenere le ali e carichiamo lo sketch definitivo.

Enjoy!